Per la sua natura di parco abitato, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini offre ai visitatori un patrimonio di musei che assicurano esperienze umane e culturali indimenticabili: arte, storia, natura, tradizioni, leggende, tutte sotto lo stesso cielo.



MUSEO ANTROPOGEOGRAFICO

Un museo che insegna a interpretare e riconoscere i molteplici paesaggi del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Ad Amandola.
MUSEO DEI MANOSCRITTI LEOPARDIANI

Preziosi manoscritti autografi del grande poeta in un museo nel cuore dei Monti Azzurri. A Visso.
MUSEO PINACOTECA CIVICA FORTUNATO DURANTI

150 opere dal gotico al neoclassico in una eccezionale Pinacoteca tra le montagne.A Montefortino.
MUSEO DELLE CARBONAIE

Un museo sull'arte di fare il carbone: un mestiere tradizionale dagli antichi segreti. A Cessapalombo.
MUSEO DELLA GROTTA DELLA SIBILLA

Tutto il fascino di un passato in cui arte, storia e letteratura si sono sposate con leggenda e magia. A Montemonaco.
MUSEO DELLA NOSTRA TERRA

Il mestiere di vivere, gli oggetti e le tradizioni della civiltà rurale dell'alto maceratese. A Pieve Torina.


GLI ALTRI MUSEI DEL PARCO
Arquata del Tronto
Museo d'Arte Immanente
Via Valle Romana, 21
Il museo si sviluppa in parte all'aperto, in un parco dove si possono ammirare sculture in bronzo e installazioni, e in parte al chiuso dove sono esposte altre opere d'arte immanente, tra cui opere di P.Pierpaoli, E. Albani, N. Luzi, I. Stella, G. Rossi, M. Korzeniecki.

Bolognola
Museo - Mostra permanente
Via L. Maurizi
non accessibile
Mostra permanente Filippo Marchetti in continuo ampliamento
Esposizione di spartiti, musica, foto, libri strumenti e oggetti appartenuti a Filippo Marchetti.

Castelsantangelo sul Nera
Centro Visita del Cervo
Via Del Parco della Rimembranza
È un ecocentro composto da due strutture: il Centro Visita e il Centro Faunistico. Nel primo sono stati ricostruiti gli ambienti tipici del Parco: la faggeta in inverno, il bosco di querce ed aceri in autunno, gli ambienti umidi e le sorgenti, i piani carsici e le alte vette, un acquario con gli anfibi e un plastico dei Monti Sibillini. Ampio spazio è dato alla sezione dedicata al cervo. Sono presenti una postazione multimediale e uno spazio dove i bambini potranno dipingere e disegnare il Parco visto con i loro occhi. Il Centro Faunistico, esteso su una superficie boscosa di 29 ha, è stato strutturato anche per avviare l'interessante intervento di reintroduzione di questa specie estinta in epoca storica e recente, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Fiastra
Museo Civico e archivio storico
Civica residenza
Via Roma, 1
Accessibile
Sono conservati importanti documenti storici tra cui gli statuti del Castrum Flastrae del 1436. L’archivio comprende documenti dal 1436 al 1970 ed è diviso nelle seguenti sezioni: Antico regime, Regno d’Italia, Restaurazione pontificia, Post-unitario Stato Civile, Archivi aggregate.

Montefortino
Museo Comunale Diocesano di Arte Sacra
Palazzo Leopardi (III Piano), Lgo Duranti n. 5,
struttura accessibile
Ospitato nell’ultimo piano di Palazzo Leopardi, contiene opere ed arredi sacri provenienti da chiese del capoluogo e, in misura minore, da diverse chiese delle frazioni del Comune di Montefortino. Allestito in accoglienti locali arricchiti da vecchie travi in legno e finiture in travertino e cotto, ospita opere di importanti artisti come: Simone De Magistris (Caldarola1538 - 1611), Domenico Malpiedi (San Ginesio 1593 - 1651), Giuseppe Ghezzi (Comunanza 1634 - Roma 1721), un’incantevole Madonna col Bambino trecentesca ed un Cristo Morto a grandezza naturale del sec. XVI.

Museo faunistico dei Sibillini
(Raccolta dell’avifauna della Marche) - Proprietà privata
Palazzo Leopardi (I° Piano), Lgo Duranti n. 5,
Struttura accessibile
La raccolta è costituta da circa 1300 esemplari di mammiferi caratteristici dell'Appennino marchigiano, uccelli dell'avifauna italiana e pesci d'acqua dolce.

Montegallo
Museo della civiltà contadina (in fase di allestimento)
Fraz. Uscerno di Montegallo
Apertura prevista per il 2006.

Norcia
Circuito Museale Nursino
Il Circuito si compone di due strutture museali a breve distanza l’una dall’altra all’interno della città: Castellina - Museo Civico e Diocesiano - Collezione Massenzi - Mostra Archeologica Permanente “Partire per l’aldilà’”, Piazza S. Benedetto 1 Mostra Archeologica Permanente – Criptoportico Romano di Porta Ascolana, Via Roma 36
Castellina
Residenza fortificata sede dei governatori apostolici, fu edificata per volontà del Pontefice Giulio III per garantire allo Stato della Chiesa un maggiore controllo sul Comune di Norcia che vantava un governo di tipo repubblicano. Del progetto fu incaricato Iacopo Barozzi da Vignola che il 28 Agosto 1554 ne tracciò, sul posto, la pianta, inglobante, al suo interno, il Palazzo del Podestà, quasi del tutto demolito, e la Pieve di S. Maria Argentea, ricostruita poco oltre. Il fortilizio è quadrato con bastioni angolari fortemente scarpati. Da piazza S. Benedetto, attraverso un elegante portale bugnato e un controportale si accede ad un cortile porticato su cui si aprivano le cancellerie civile e criminale, le scuderie, i quartieri della guarnigione e le carceri, mentre al piano superiore trovava posto la residenza del governatore. Oggi la Castellina, oltre a varie mostre temporanee, ospita il Museo Civico e Diocesano, la Collezione Massenzi e la Mostra Archeologica “Partire per l’Aldilà”.

Museo Civico e Diocesiano
Il museo riunisce opere d’arte di provenienza locale (arredi sacri, affreschi, dipinti su tela o tavola, sculture policrome lignee o in pietra, terracotte invetriate) di proprietà ecclesiastica e comunale, databili tra XII e XVIII sec. Notevole la Croce proveniente dalla frazione di Campi firmata da Petrus Pictor e datata 1212 o 1241 (l’iscrizione risulta poco leggibile) o la grande pala di Antonio da Faenza (Madonna col Bambino e Santi Francescani, tempera su tavola, 1519) proveniente dall’ex Chiesa dell’Annunziata. A Giovanni Dalmata si deve un gruppo di sculture in pietra (Madonna col Bambino e i SS. Giovanni Battista ed Evangelista, 1469) che decoravano l’altare della “Madonna della Palla” della Chiesa di S. Giovanni, mentre è attribuito a Luca della Robbia il raffinato gruppo dell’Annunciazione, in terracotta invetriata, realizzato per la Chiesa dell’Annunziata agli inizi del 1500.

Collezione Massenzi
La raccolta archeologica, tra le maggiori collezioni private dell’Umbria, è giunta a Norcia grazie alla generosità del suo donatore, il Cavaliere Evelino Massenzi. Di rilevante importanza storico-archeologico-artistica si segnala per la notevole omogeneità culturale e per la consistenza del materiale che la compone: vasi etruschi e greci e in minima parte magno greci, per lo più di VII-VI sec. a.C. ma anche di epoca classica ed ellenistica (V- I sec. a.C.) consentono di ripercorrere la storia della ceramografia etrusca e greca dall’VIII sec. a.C. fino all’età romana. Tra i materiali meritano menzione un anfora in bucchero di quasi un metro di altezza di produzione chiusina, alcuni vasi attici a figure nere e rosse, uno skyphos (coppa profonda con due manici) falisco e un cratere a colonnette di fabbrica volterrana con raffigurazioni di ambito dionisiaco.

Mostra Archeologica Permanente “Partire per l’aldilà’”
La Mostra rende fruibili al pubblico rilevanti materiali rinvenuti a partire dal 2001 nei pressi di Norcia in tombe a fossa, cassone e a camera, databili tra IV e I sec. a.C. appartenenti a numerose necropoli dislocate tutt’intorno alla città. In particolare si segnalano la tomba a camera n. 50 rinvenuta in località Opaco, attribuibile ad una donna adulta sepolta alla fine del I sec. a.C. con il suo ricco corredo vascolare e di oggetti di ornamento personale, adagiata su un letto con decorazione plastica in osso di notevole fattura (cavalli alati, figure femminili a mezzo busto) e la tomba a camera di Popoli appartenente a due inumati di sesso maschile e femminile, con un letto funebre decorato con figure in terracotta rappresentanti la dea Ecate, puttini alati e immagini di piangenti, allusive al viaggio del defunto verso l’aldilà.

Mostra Archeologica Permanente - Criptoportico Romano di Porta Ascolana
Dell’antico centro sabino sono esposti gli interessanti reperti portati alla luce in loc. Campo Boario, relativi a un villaggio di capanne di IX-VIII sec. a.C e a una necropoli di VI-III sec. a.C., una delle numerose importanti necropoli dislocate intorno alla città. Con la conquista romana della sabina (290 a.C.) il municipio di Nursia riceve un assetto urbanistico elegante e monumentale ancor oggi evidenziato dalla presenza di un criptoportico ubicato nell’area del foro della città antica, visitabile all’interno della Mostra. Una scelta di 13 epigrafi funerarie ed onorarie, insieme ad un cippo miliario iscritto, documentano ulteriormente la vitalità del centro urbano e del suo interland tra la tarda repubblica e il tardo impero (I sec. a.C.-IV sec. d.C.), così come due cippi con scene dionisiache di scuola neoattica, databili probabilmente in età augustea, destinati al culto e attribuibili ad un edificio pubblico o privato di notevole ricchezza, da collocarsi nel cuore della città romana.

Museo della Civiltà Contadina
Proprietà privata Palazzo Cavalieri di Malta, Piazza S. Forti, Struttura accessibile Nel museo, situato all’interno di un antico palazzo, sono esposti oggetti e strumenti dell’attività agricola e tessile.

Pievebovigliana
Museo Artistico-Archeologico “R. Campelli”
Piazza Vittorio Veneto 90 Struttura accessibile Il museo ospita reperti archeologici del neolitico rinvenuti nel territorio, tele del XVI sec., arredi del XVII sec., e reperti in ceramica appartenenti all’età del ferro, tra cui numerose coppe e un vaso in pasta vitrea di produzione punica (IV-II secolo a.C.).

Pieve Torina
Museo dell'Automobilina
Via S. Agostino 1,
Struttura accessibile.

Preci
Museo dell'Abbazia di Sant'Eutizio
Loc. Piedivalle
Proprietà ecclesiastica
Struttura accessibile
Il Museo conserva oggetti sacri appartenenti alle chiese della Valle Castoriana.
Vi sono esposti anche alcune riproduzioni dei codici miniati per mano degli amanuensi benedettini; stupende riproduzioni dei ferri chirurgici utilizzati nella Scuola Chirurgica preciana.

San Ginesio
Museo e Pinacoteca "S.Gentili"
Sezione Antica: via R. Merelli 14, - non accessibile
Sezione Moderna: via Capocastello 35 - accessibile
Il museo comprende opere pittoriche che vanno dal XV° sec. al XVII° sec. e dipinti di Stefano Folchetti, Simone De Magistris e Vincenzo Pagani. Di particolare interesse il Quadro della "Battaglia tra ginesini e fermani" del XV sec. Nella sezione archeologica sono esposti reperti della civiltà picena, fibule, elmi, scudi, monili femminili, di epoca celtica ed etrusca.
La sezione moderna conserva opere di Servolini, Bartolini, Cantatore e alcune sculture di Patrizi, Pirrone, Lucchetti e Ricottini.
Adiacente al museo moderno ha sede l'Archivio Storico Comunale che vanta la presenza di manoscritti e circa 100 cinquecentine, oltre a vario materiale pergamenaceo.

Museo storico del territorio di Pievebovigliana
Palazzo Comunale – P.zza V.Veneto, 90 Il museo è in fase di allestimento e verrà inaugurato alla fine del mese di maggio 2006. Nel museo viene ricostruita la storia economica e sociale di Pievebovigliana nel corso dell’età moderna e contemporanea, con particolare attenzione allo sviluppo dei centri abitati. Trattandosi di un museo dedicato alla cultura materiale, ai mestieri ed alle attività produttive del territorio, delle sezioni particolari saranno dedicate al laterizio, in quanto nel comune di Pievebovigliana, Otto e Novecento, erano attive circa dieci fornaci: alla tessitura a mano, svolta all’interno dei nuclei familiari contadini; alla distilleria Varnelli, che costituisce una delle più importanti esperienze imprenditoriali dell’Alto Maceratese. La raccolta di xilografie dell’artista Maria Cicciotti, già esposte al Museo Artistico-Archeologico “R.Campelli” saranno valorizzate con un nuovo allestimento.

Ussita
Museo del Cardinale Gasparri
Civica residenza
Piazza 11 Febbraio, 5
Struttura accessibile

Visso
Museo diocesiano - Pinacoteca
Chiesa di Sant'Agostino, p.zza Martiri Vissani.
Si tratta di una raccolta di oggetti, di argenteria, quadri e statue databili dal 1200 al 1700. Di rilievo alcune statue lignee, croci astili in argento del XV e XVI secolo, oggetti sacri dal '300 al '700, i dipinti di Orazio Gentileschi e gli affreschi staccati di Paolo da Visso.

Museo della Pastorizia
Cupi - Visso
In ristrutturazione
Il Museo ha sede a Cupi, piccolo borgo a 14 km da Visso. Conserva le testimonianze della vita e del lavoro dei pastori e le attrezzature tradizionali. Un percorso fotografico ricostruisce le varie fasi della lavorazione del latte e della lana.

 
ACQUACANINA
AMANDOLA
ARQUATA DEL TRONTO
BOLOGNOLA
CASTELSANTANGELO SUL NERA
CESSAPALOMBO
FIASTRA
FIORDIMONTE
MONTEFORTINO
MONTEGALLO
MONTEMONACO
NORCIA
PIEVE TORINA
PIEVEBOVIGLIANA
PRECI
SAN GINESIO
USSITA
VISSO
 
 
 cerca nel sito